Claudio Marchisio pronto a partire, lo attende il Chelsea di Conte

Fino all’ultimo in molti avevano creduto si trattasse solo di uno scherzo, o al limite di uno dei rumors estivi un po’ troppo gonfiati. La notizia però è apparsa alcune ore fa anche sulla Gazzetta dello Sport (via ilbianconero). Claudio Marchisio sarebbe pronto a lasciare Torino.

Claudio Marchisio

FLORENCE, ITALY – SEPTEMBER 03: Claudio Marchisio of Italy arrives for a training session at Coverciano on September 3, 2012 in Florence, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

La giovanissima leggenda bianconera potrebbe andarsene davvero a breve, seguendo le sirene che cantano sulla sponda del Chelsea di Conte, suo grande estimatore. Marchisio, a 31 anni, dopo sei scudetti e diversi altri trofei vinti con la Vecchia Signora, avrebbe espresso il desiderio di cambiare aria.

Da tempo Max Allegri ha recepito questa possibilità e il centrocampista, se se ne andrà, può e deve essere rimpiazzato. Come sostituto a portata di mano ci sarebbe Kevin Strootman, anch’egli deciso da tempo a cambiar aria, pur restando in Italia, per cominciare a vincere qualcosa. E per Strootman la Juve è pronta a cedere alla Roma Juan Cuadrado.

Se Marchisio dovesse davvero lasciare, certamente a soffrirne saranno soprattutto i tifosi. Claudio infatti, dopo aver frequentato l’accademia del club da giovanissimo, ha trascorso tutta la sua carriera (ben 24 anni) a Torino, a parte la stagione in cui è stato in prestito a Empoli.

Marchisio adesso è dunque un oggetto del mercato dei Blues, che lo vedono come prima scelta. Tutto dipende dalla cifra che la Juve riterrà consona per lasciarlo andar via. Altrimenti Conte punterà su Danny Drinkwater del Leicester City.

Le Zebre, vista la volontà espressa dal giocatore, si aspettano dunque di ricevere a breve un’offerta definitiva per il centrocampista. Considerando soprattutto che il suo contratto con la Vecchia Signora è attivo fino al giugno 2020.

Juventus a Cagliari: la formazione di Allegri e le ultime di mercato

È stato un colpo di mercato importante quello assestato dalla Juve nei giorni scorsi. L’arrivo dal Paris Saint Germain di Matuidi (20 milioni in cash più 10 milioni vincolati alle prestazioni) ha regalato una nuova ondata di entusiasmo ai tifosi. Così, se qualche gufo ha il coraggio di sostenere che quest’anno per la Juve sarà difficile vincere il campionato – visto l’aggiunta di Milan e Inter tra le pretendenti, c’è anche chi come Alex Del Piero non ci pensa due volte ad affermare che i bianconeri sono ancora i favoriti per questa stagione.

matuidi

Certo, a poche ore dall’inizio del campionato, ci sono ancora alcune spade di Damocle puntate su Beppe Marotta e soci. C’è il rinnovo del contratto di Paulo Dybala. C’è la delusione per il mancato arrivo a Torino di Marco Verratti. Però c’è anche la qualità di uno come Blaise Matuidi, capace di mettere insieme esperienza e energia anche alla sua età. Blaise aiuterà Miralem Pjanic, Sami Khedira e Claudio Marchisio a dirigere quello che ancora oggi è rotenuto il centrocampo più forte d’Italia.

Da diversi anni il club bianconero inseguiva il giocatore francese, che era nelle mire anche del Real Madrid. Il suo profilo infatti sembra combaciare con la filosofia Juventus: un uomo veramente umile, capace di pensare e di faticare molto.

Tra meno di un’ora la squadra di Max Allegri sarà impegnata a giocare a Cagliari la prima partita di campionato della stagione. Gli analisti si chiedono se schiererà un 4-3-3 o un 3-4-3 o resterà fermo al 4-2-3-1 provato in fase pre-campionato, con Douglas Costa che va a sostituire Juan Cuadrado a destra e Claudio Marchisio al posto di Sami Khedira.

Toro: in partenza il Gallo Belotti

 

Il Chelsea di Conte va all’assalto del Gallo Belotti. Nelle ultime ore per il forte e promettente attaccante granata la squadra guidata da Antonio Conte ha letteralmente sferrato due potenti offerte. Si parla di un’offerta (la terza in ordine di tempo) di 62 milioni di sterline che sarebbe stata rifiutata dal club posseduto dall’editore Cairo. Il presidente punta infatti a massimizzare il guadagno. L’ha sempre detto d’altronde: Andrea Belotti è incedibile, solo con un’offerta che superi i 100 milioni di euro se ne potrà andare da Torino. Ecco spiegata la volontà di Cairo e soci di far in modo che il Chelsea riesca ad attivare la clausola di rilascio che in sterline è più o meno 88 milioni. Di qui l’ultima offerta giunta sul Po – la quarta in ordine di tempo, da 91 milioni di sterline.

belotti

L’attaccante, ormai presenza fissa anche nella nazionale di Ventura, ha siglato 26 gol in 35 partite nell’ultima stagione. Nei piani di Conte il Gallo rappresenta una pedina molto importante, soprattutto dopo che Romelu Lukaku se ne è andato a giocare col Manchester United.

Per correre ai ripari, Conte ha subito optato per l’acquisto di Alvaro Morata dal Real Madrid alla modica cifra di 62 milioni di sterline, ma vuole comunque rinforzi nel reparto offensivo.

L’esordio di campionato con la sconfitta per 3-2 contro il Burnley a Stamford Bridge brucia ancora, anche se la vittoria contro il Tottenham Hotspur a Wembley lo scorso turno ha risollevato un po’ il morale.

Mercato Juventus: Keita e Kovacic più vicini, parte Lemina

Ancora non si ferma il mercato della Juventus. La squadra di Max Allegri è sulle tracce di Keita ma l’accordo con la Lazio è ancora lontano. I biancocelesti vogliono 30 milioni di euro per cederlo subito, ma visto che il contratto di Keita scade la prossima estate, la presidenza bianconera sa che c’è la possibilità di ottenerlo senza vincoli di cartellino. La storia del trasferimento di Keita a Torino, cominciata lo scorso gennaio con l’ipotesi di prestito messa sul piatto dalla vecchia signora, è ancora dunque destinata a protrarsi.
keita

Nel frattempo, sul fronte delle partenze, per 20 milioni di euro il Southampton si è aggiudicato il centrocampista della Juventus Mario Lemina con un contratto di cinque anni. Il giocatore del Gabon, ventitreenne, era arrivato dal Marsiglia nel 2015 in prestito e poi era stato acquistato per 7,5 milioni di euro l’estate scorsa.

Le voci in entrata invece si fanno più consistenti circa Mateo Kovacic, che Max Allegri tiene sott’occhio dai tempi dell’Inter. Il centrocampista croato farebbe davvero comodo ai piani della Juventus, ma il Real Madrid non è disposto a lasciarlo andar via facilmente, a meno che la Juve non apra uno spiraglio per Paulo Dybal, che i blancos guardano con grande ammirazione da tempo. Nel caso di un rifiuto però le alternative a Kovacic si chiamano Blaise Matuidi del Paris Saint Germain e Andre Gomes del Barcellona.

Qui Juventus: ecco la formazione dei bianconeri per il prossimo campionato

Sarà una Juventus sempre forte quella che si appresta ad affrontare la stagione 2017-2018 del Campionato di Serie A. Nonostante le molte partenze – in primis Bonucci, sono in molti a credere che i bianconeri domineranno ancora il campionato italiano e potranno sicuramente dire la loro in Europa.

Qui Juventus: ecco la formazione dei bianconeri per il prossimo campionato

Nelle scorse ore tra i rumors che hanno tenuto più banco c’è stato quello relativo ad una tempestiva partenza di Dybala in direzione Barcellona. Paolo per ora ha confermato che rimarrà a Torino, ma forse si è trattato di qualcosa di più che voci di corridoio.
Nel frattempo nella sera di mercoledì 26 luglio 2017 Paulo Dybala e Gonzalo Higuain sono stati la coppia d’attacco opposta al Paris St Germain di Edinson Cavani e Angela Di Maria.
E’ stata l’occasione per i bianconeri di rivedere dopo poche settimane l’ex-compagno Dani Alves, che dopo aver sostanzialmente aiutato la Juve a ottenere la finale di Champions ha deciso di cambiare aria.

Nel frattempo la Juve si è rinforzata – e di molto, a centrocampo. Sono arrivati Douglas Costa e proprio ieri Federico Bernardeschi. Per il giocatore toscano la squadra bianconera ha sborsato 40 milioni di euro alla Fiorentina.
Massimiliano Allegri – visite mediche permettendo, potrebbe provare già Bernardeschi alle spalle di Higuain, riproponendo lo schema tattico del 4-2-3-1.

Ma quale sarà la formazione della Juventus per la stagione a venire?

In porta il 39enne Buffon si farà aiutare dal nuovo arrivo Szcsesny, in difesa De Sciglio potrebbe trovare subito un posto da titolare, mentre per il centrocampo l’altro nome su cui si punta è quello di Benatia.

Ecco dunque la probabile formazione 2017-2018 della Juve:

Buffon, Benatia, De Sciglio, Chiellini, Alex Sandro, Khedira, Pjanic, Douglas Costa, Dybala, Bernardeschi, Higuain.