Calcio: è Cavani il leader della classifica globale dei marcatori in Europa

 

Il calcio, si sa, è soprattutto questione di gol, di palloni che entrano in porta facendo gonfiare la rete e il petto dei tifosi inorgogliti. Capita perciò spesso che sulla ribalta si trovino gli attaccanti, quei grandi campioni per cui i club con maggiore potere d’acquisto sono pronti a far follie (vedi l’arrivo di Neymar al Paris St Germain).

cavani

Ad alcune settimane dall’inizio dei campionati nei vari paesi europei, cerchiamo di fare un attimo il punto della situazione rispetto ai marcatori e alle performance degli attaccanti? Quali campioni hanno infilato più palle in rete e per quali squadre giocano?

Partiamo dal campionato inglese. Qui, a quattro giornate dall’inizio del campionato, è Lukaku del Manchester United a comandare la classifica dei marcatori con 4 gol. Lo seguono a ruota con 3 gol alcuni giocatori, tra campioni e nuove promesse troviamo Walbeck dell’Arsenal, Morata del Chelsea, Vardy del Leicester e Manè del Liverpool.

Arriviamo dunque in Italia dove si sono giocate tre giornate di campionato. Finalmente i tifosi interisti possono godersi il loro campione da tanto atteso. Quest’anno Mauro Icardi ha già segnato 5 gol in 3 partite e sembra non avere alcuna intenzione di smettere. Uguale a lui ha fatto solo l’argentino Dybala in forza alla Juve. Paulo oggi è educe da una deludente prestazione in Champions contro il Barcellona, nella quale ha potuto vedere il livello a cui gioca Messi.

Al secondo posto nella classifica provvisoria dei marcatori della Serie A troviamo poi Ciro Immobile della Lazio, che ha incantato tutti la scorsa domenica nella partita degli aquilotti contro il Milan. Terzo, ma non meno importante, lo score di Quagliarella in forza alla Sampdoria: per lui 3 gol in appena 2 partite (visto che la sfida dei blucerchiati con la Roma è stata rimandata).

Arriviamo in Spagna, dove Messi comanda con 5 gol in 3 partite, seguito da González del Celta Vigo e Juanmi del Real Sociedad, entrambi a 3 gol in 3 partite. Citazione d’obbligo infine per i 7 gol in 5 partite di Cavani al PSG e per i 4 gol in 3 partite di Alfred Finnbogason dell’Augsburg in Bundesliga.

Barcellona – Juventus: in Champions League si rinnova una rivalità storica

Non sarà, come dice Max Allegri, una finale, ma a Torino e in tutta Italia in generale questa partita si sente molto. Perché negli ultimi anni quella del Barca è diventata la compagine dei rivali per antonomasia dei bianconeri.

juve barcellona

La prima partita della fase a gironi dell’ex Coppa dei Campioni fra Barcellona e Juventus si giocherà al Camp Nou questa sera, martedì 12 settembre 2017. Si tratta del terzo scontro fra catalani e piemontesi negli ultimi quattro anni.

La Juve, dopo la sconfitta nella finale del 2015/2016, è molto assetata di vendetta. I blaugrana sono alla 22esima apparizione in Champions League e per ben 18 volte hanno vinto il loro gruppo ai gironi.

Si gioca alle 19:45 con la formazione della Juve ancora incerta su alcuni punti. Sicuramente rivedremo Gianluigi Buffon tra i pali, dopo la parentesi con Wojciech Szczesny in campionato. In avanti Juan Cuadrado deve scontare una sospensione, mentre Giorgio Chiellini è in forse, ma con molta probabilità rimarrà fuori scontando un infortunio al polpaccio.

Se confrontiamo le due squadre in avanti, la Juve ha un’arma in più in Paulo Dybala, che ha già segnato 7 gol da inizio stagione, contro i 5 di Lionel Messi – l’ultimo dei quali davvero spettacolare nel derby catalano di sabato scorso contro i cugini dell’Espanyol. C’è però un dato a favore dei bianconeri: Messi non è mai riuscito a far gol a Gianluigi Buffon negli ultimi tre confronti.

In totale la Juventus ha segnato 10 gol nelle prime tre partite, cosa che non succedeva dal lontano 1981.

Ultimissime calciomercato Juventus: Howedes in arrivo a Torino, Emre Can a gennaio

Ultime notizie dai bianconeri, arriva in prestito dallo Schalke Howedes a rinforzare il reparto difensivo di Max Allegri

Benedikt Howedes è ufficialmente un giocatore della Juventus. Il difensore dello Schalke e della nazionale tedesca è divenuto nelle ultime ore un obbiettivo sempre più realistico per la squadra di Max Allegri, che lo strappa alla squadra della Bundersliga.

La conferma del trasferimento di Benedikt Howedes è stata data dal portale Calciomercato.com. Sul piatto c’è un contratto di prestito per 4 anni al costo di 3 milioni di euro, con un’opzione di acquisto fissata 15 milioni di euro.

howedes mercato juve

Howedes, che potrà essere impiegato sia a sinistra che a destra, è stato strappato al Liverpool ed il giocatore ha rifiutato un’offerta dallo Spartak Mosca. Il suo arrivo mira a rinforzare il reparto difensivo dei bianconeri dopo la partenza di Bonucci e potrebbe anche sbloccare una delle ultime operazioni in uscita della Juve per questa stagione. La cessione di Kwadwo Asamoah per 10 milioni di euro al Galatasaray.

Nel frattempo sembra che l’ultimo obbiettivo in entrata sia il centrocampista di Liverpool Emre Can. La Juve nega che ci sia già un accordo su un trasferimento del giocatore a Torino a gennaio 2018 o al massimo la prossima estate – visto che il 23enne è in scadenza di contratto proprio a giugno.

Emre Can è un ottimo centrocampista che garantisce sia la fase di copertura che la profondità. Il giovane ha anche un buon rapporto con la rete: ha segnato due volte nella partita vinta dai Reds 4-2 la scorsa settimana contro l’Hoffenheim.

Juventus: Gomes e Vidal le ultime opportunità di mercato

Siamo alle ultime battute di un mercato estivo che ha riservato molte sorprese per i tifosi della Juve. Beppe Marotta e soci, pur senza lasciare nessuno a bocca aperta, hanno realizzato parecchie mosse sia in entrata che in uscita, ma, forse, non è detta ancora l’ultima parola. Cosa ci riservano gli ultimi quattro giorni della finestra del calciomercato dell’estate 2017? Allegri può ritenersi soddisfatto dei suoi giocatori o desidera ancora qualche rinforzo?

Juventus: Gomes e Vidal le ultime opportunità di mercato

Dalla Spagna, e più precisamente da Barcellona, il DS Ariedo Braida ha confermato che Andres Iniesta, il cui contratto è ancora da firmare con i catalani, non sarà ceduto alla Juventus. E nemmeno Andre Gomes, se la Juve non alzerà la sua offerta. Secondo i blaugrana infatti 33 milioni di euro sono davvero pochi per il centrocampista portoghese. La richiesta è fissata a non meno di 50 milioni di euro, cifra con cui il Barca intende lanciare l’assalto ad Angel di Maria del Paris St Germain.

Ma le trattative in corso fra la Juventus e il Barcellona non finiscono qui. Nonostante, con buona pace di squadra e tifosi, Alex Sandro sia rimasto a fare la torre sinistra della difesa, i bianconeri si vogliono ulteriormente rinforzare di dietro. L’obiettivo principale è il difensore Aleix Vidal in forza proprio al Barcellona, dopo che Serge Aurier del Paris St Germain sembra indirizzato verso il Tottenham. Della scelta in merito a Vidal è molto convinto soprattutto Max Allegri, che apprezza il 26enne spagnolo per la sua elasticità e la sua capacità di penetrare in profondità a centrocampo.

Claudio Marchisio pronto a partire, lo attende il Chelsea di Conte

Fino all’ultimo in molti avevano creduto si trattasse solo di uno scherzo, o al limite di uno dei rumors estivi un po’ troppo gonfiati. La notizia però è apparsa alcune ore fa anche sulla Gazzetta dello Sport (via ilbianconero). Claudio Marchisio sarebbe pronto a lasciare Torino.

Claudio Marchisio

FLORENCE, ITALY – SEPTEMBER 03: Claudio Marchisio of Italy arrives for a training session at Coverciano on September 3, 2012 in Florence, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

La giovanissima leggenda bianconera potrebbe andarsene davvero a breve, seguendo le sirene che cantano sulla sponda del Chelsea di Conte, suo grande estimatore. Marchisio, a 31 anni, dopo sei scudetti e diversi altri trofei vinti con la Vecchia Signora, avrebbe espresso il desiderio di cambiare aria.

Da tempo Max Allegri ha recepito questa possibilità e il centrocampista, se se ne andrà, può e deve essere rimpiazzato. Come sostituto a portata di mano ci sarebbe Kevin Strootman, anch’egli deciso da tempo a cambiar aria, pur restando in Italia, per cominciare a vincere qualcosa. E per Strootman la Juve è pronta a cedere alla Roma Juan Cuadrado.

Se Marchisio dovesse davvero lasciare, certamente a soffrirne saranno soprattutto i tifosi. Claudio infatti, dopo aver frequentato l’accademia del club da giovanissimo, ha trascorso tutta la sua carriera (ben 24 anni) a Torino, a parte la stagione in cui è stato in prestito a Empoli.

Marchisio adesso è dunque un oggetto del mercato dei Blues, che lo vedono come prima scelta. Tutto dipende dalla cifra che la Juve riterrà consona per lasciarlo andar via. Altrimenti Conte punterà su Danny Drinkwater del Leicester City.

Le Zebre, vista la volontà espressa dal giocatore, si aspettano dunque di ricevere a breve un’offerta definitiva per il centrocampista. Considerando soprattutto che il suo contratto con la Vecchia Signora è attivo fino al giugno 2020.